. Iscriviti alla NEWSLETTER!

Iscriviti alla Newsletter! Rimani aggiornato sui nuovi eventi e... Scarica il tuo Regalo!
Nome
Cognome
Tua e-mail
ODIAMO lo SPAM quanto te :)

principi fondamentali del Tai Chi Chuan derivano da una parte della antica cultura cinese che è di grande attualità anche per noi occidentali.

Dalla medicina tradizionale sono state derivate alcune tecniche per l’accrescimento della vitalità del corpo e della mente: una respirazione profonda e “fine”, il mantenimento di una postura corretta, la eliminazione di rigidità fisiche e di tensioni mentali che possano ostacolare il flussi in tutto il corpo del sangue ossigenato e della cosiddetta energia interna o soffio vitale ch’i (qi), ed infine la possibilità di stimolare questi flussi controllandoli con la mente (“l’energia segue il pensiero”).

tai-chi-chuanDal punto di vista marziale, il Tai Chi Chuan unisce a queste tecniche l’impiego nei confronti dell’avversario di una forza interna o forza elastica derivante dall’elasticità del corpo e non dalla contrazione delle masse muscolari, a somiglianza di quanto avviene quando si salta. Per sviluppare questa forza è necessario piegare le ginocchia e far leva su un piede radicato nel terreno sul quale si “scarica” il proprio peso e se possibile una parte dell’energia emessa dall’avversario nei nostri confronti. I testi classici del Tai Chi usano l’immagine di tendere l’arco prima di scagliare la freccia. Un’altra utile immagine di riferimento è quella della catapulta. In termini di fisiologia moderna si parla di “contrazione eccentrica” e di “pliometria”.

Questa forza elastica rende disponibile una potenza meccanica relativamente elevata anche se per tempi brevissimi e con spostamenti di minima ampiezza. Per questa ragione essa deve essere impiegata quando si è già in contatto con l’avversario. Accrescere con il Tai Chi Chuan l’elasticità del proprio corpo è utile per tutti, anche per quelli ce non sono interessati alle applicazioni marziali.

Tai Chi Chuan, prima nella mente e poi nel corpo.

Per applicare queste tecniche tutte le parti del corpo debbono essere controllate dalla mente, intesa come continua attenzione e volontà cosciente che con l’esercizio può diventare istintiva, e si debbono muovere insieme, in modo coordinato e con gli allineamenti richiesti per ottenere flussi intensi di energia interna e di forza elastica. Un elemento essenziale è la intenzione di eseguire i movimenti delle parti del corpo, che risultamo essere “propulsi” dalla mente. Come dicono i testi classici del Tai Chi Chuan, prima nella mente e poi nel corpo.

taichi-chuanAltri principi fondamentali del Tai Chi Chuan riguardano non soltanto noi stessi, ma anche i nostri comportamenti nei confronti del mondo esterno, e sono una diretta applicazione del pensiero trasmesso da “I Ching” (il “Libro dei Mutamenti” le cui prime tracce scritte risalgono al secolo XI a.C.) e dai testi del primo Taoismo (IV secolo a.C.). Da quella antica cultura ci arriva il messaggio di ricerccare relazioni simbiotiche con il mondo con cui interagiamo, e di cui dobbiamo “sentire” di far parte, cercando di ascoltare ed interpretare i suoi continui cambiamenti ed adattandoci ad essi in modo flessibile, senza perdere il ontatto. Il punto fondamentale è quello di cedere in modo flessibile ad azioni provenienti dall’esterno, senza opporsi con violenza, ed intervenendo in modo attivo soltanto quando è per noi più conveniente.

Questo messaggio è sempre più richiamato dalla cultura occidentale in un periodo storico in cui tutti – individui e organizzazioni – dobbiamo imparare a convivere con fenomeni globali che sono al di fuori del nostro controllo. Se riuscissimo ad applicarlo, ci sarebbe possibile rendere allo stesso tempo meno conflittuali e più efficaci le nostre interazioni con il mondo esterno.

Per applicare efficacemente questi principi a livello individuale, non soltanto in un esercizio “marziale” ma anche nella vita quotidiana, bisogna innanzitutto liberarci da ansie e preoccupazioni, e prendere il pieno controllo del nostro corpo e dei nostri comportamenti, mantenendo calma e tranquillità in ogni situazione. Nella tradizione del Tai Chi Chuan la capacità di avere una consapevolezza piena ma distaccata di noi stessi e della realtà con cui interagiamo è associata allo “spirito” (“shen”), uno dei tre tesori identificati dalla medicina tradizionale cinese (gli altri due sono l’essenza vitale “ching” e l’energia interna “ch’i”).

La strategia di base consiste dunque, oltre che nell’impiego di tattiche di interazione con l’avversario basate sui principi del primo Taoismo, in una completa integrazione di mente e di corpo e nell’utilizzare al meglio le loro capacità vitali, mantenendo in ogni momento una completa disponibilità ai cambiamenti. È perciò necessario esercitarsi a controllare propriamente i nostri comportamenti evitando reazioni emotive, anche quando è richiesta grande prontezza di reazione e non è possibile intervenire con il ragionamento.

Se si riesce a raggiungere un buon livello in questo percorso di cambiamento, allora davvero il morbido può vincere il duro come dice Lao Tzu, cui è attribuito un testo fondamentale del primo pensiero taoista, il “Libro della Via e della Virtù”.

Non è da sorprendersi se il Tai Chi Chuan, disciplina che ci fa sviluppare le capacità che abbiamo indicato presentando i suoi principi, e che ci fa esercitare con intensità per accrescere vitalità e flessibilità della mente e del corpo, risulta ad un esame obbiettivo più efficace per la nostra salute e la nostra forma psico-fisica di molti altri esercizi, anche di quelli che in questi ultimi tempi sono diventati di moda.

 

Vuoi una Meditazione in Regalo?

Iscriviti alla Newsletter! Rimani aggiornato sui nuovi eventi e... Scarica il tuo Regalo!
Nome
Cognome
Tua e-mail
Odiamo lo spam quanto te, stai tranquillo :)